26 maggio 2014

Scànzati

Al Fatto Quotidiano non usano la moderazione come strumento di controllo del dissenso, no.

Anzi, ci tengono a farti sapere che:
"puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo thread."
 e che l'unica Policy è:
"evita gli insulti, le accuse senza fondamento e mantieniti in topic"

Beh dai, limiti ragionevoli se consentono di accedere alla possibilità che ti offrono di manifestare liberamente la tua opinione.
E allora oggi sono andato a dire la mia al grande giornalista Scanzi che ha offerto la sua come sempre illuminata analisi, evitando naturalmente gli insulti, le accuse senza fondamento e restando come da richiesta in topic.
Nelle citazioni "Oggi" stando in topic con l'analisi post-voto offerta appunto oggi, in quelle "Ieri" stando in topic con l'analisi pre-voto di qualche giorno fa.

E che peccato che gli affezionati di quella testata così aperta alle contestazioni non possano leggere il confronto e si debbano accontentare di leggere solo i commenti di chi lo insulta (ma in topic!) o di chi lo ringrazia per quant'è bravo.

Perché il confronto era una cosa semplice, innocua, erano solo le sue parole:



Ma forse l'hanno removed per il riferimento finale alla Tommasi, sai mica si possono usare in maniera ironica nomi così scottanti.
Quindi l'ho tolto, ho lasciato proprio solo solo solo le citazioni, così nessuna policy è violata e io potrò manifestare liberamente il (suo) pensiero su un giornale così libero e indipendente.

Sei secondi netti:


E vabbé.
Aspettiamo l'editoriale di Travaglio, magari è stato un errore e lì mi andrà meglio.

Update:
Andando a vedere cosa si fossero inventati oggi quei (veri e propri) geni di SLGIPCT, mi è in effetti venuto il dubbio che l'editoriale di Travaglio non arriverà tanto presto.

41 commenti:

  1. cielo, che brutti posti che frequenti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è stata una scelta quasi obbligata.
      dopo che negli ultimi due anni le scimmie urlanti hanno invaso ogni angolo possibile di web e volente o nolente ti ritrovavi a fare lo slalom tra le loro urla di guerra ormai pure nei forum di discussione su come si installano le caldaie a gas nei quali un grillino che urla "STIAMO ARRIVANDOOOOO" lo trovi sempre, ho tagliato la testa al toro e ho deciso che se proprio non li ptevo evitare, allora tantovaleva andare a rompere le palle a casa dei più esaltati, direttamente alla miniera dove producono quelli che poi si disperdono per la rete.

      Comprenderai che c'è più soddisfazione a dare del cialtrone a Scanzi o a Travaglio, che a fare briciole di Guerriero95 che al terzo botta/risposta ti dice che stanno per venirti a prendere a casa e poi ne dovrai dare di risposte.
      Almeno Scanzi e Travaglio si prendono un sacco sul serio ma in fondo lo sanno di essere dei cialtroni e quindi c'è spazio per dimostrarglielo.

      (eh son soddisfazioni)
      (cioè l'alternativa sono i peggiori bar di Caracas, ma sarebbe stato un po' dispendioso e il fegato ne avrebbe risentito molto molto di più!)

      :D

      Elimina
    2. Anonimo21:53

      Di Maria Novella Oppo e di Toni Jop cosa mi dici?

      Elimina
    3. Quello che può sapere chiunque abbia una connessione internet e cioè che sono due dei tanti che hanno avuto l'onore di entrare nel democraticissimo elenco "Giornalisti del giorno" sul sacro blog.

      Di più non posso aiutarti dal momento che, come già ti ho detto, non leggo L'Unità e non inizio a farlo certo adesso solo perché tu hai un'ossessione ma non la capacità di risolvertela da solo

      Elimina
    4. Anonimo22:36

      Non ti fa molto onore svicolare ma capisco bene la tua difficoltà.

      Io leggo l'Unità e ti posso dire che sono due signori giornalisti con la schiena dritta. Mi stupisce piuttosto che tu non legga i loro pezzi e più in generale un giornale che fa informazione per davvero.

      Elimina
    5. Seriamente, ammetto di non aver mai capito se definendo qualcuno "schiena dritta" se ne intenda apprezzare la rettitudine morale e deontologica (= non si piega davanti a nessuno) o stigmatizzare l'indolenza (= non fa un cazzo dal mattino alla sera: il contrario dello "sgobbone", appunto).

      Elimina
    6. eh ma infatti, onore difettoso e difficoltà nel confronto, non sfugge proprio nulla a te, quando uno è scaltro è scaltro e giù il cappello.

      Detto questo.
      Ti ho risposto "come già ti ho detto" perché nemeno due giorni fa il problema "L'Unità" qui me l'ha tirato fuori un altro anonimo che aveva la tua stessa impostazione, il tuo stesso modo di presentarti, i tuoi stessi contenuti, il tuo stesso voto e la tua stessa nobile voglia di aiutarmi a migliorare.
      Comprenderai che confondersi fosse facile, quando vi fanno con lo stampino e voi ce la mettete tutta per non distinguervi tra voi.
      Ma tu mi dici che al contrario di quell'altro tu L'Unità la leggi e quindi siete due diversi e ok, abbiamo trovato un elemento di distinzione, quasi ne stappo un'altra perché siamo al confine con l'emozione da avvistamento dello Yeti.

      Per quanto riguarda il tuo giudizio su quella testata e sui due giornalisti sono contento per te.

      Poi non lo so perché L'Unità sia così importante nelle domande che venite a pormi da un paio di giorni a questa parte (immagino abbia a che fare con questo fatto che è tutto il giorno che il fiume di m5s che fino ieri riempivano la rete con "Stiamo arrivando" e "E' finita!" oggi siano sparsi per la rete in una nuova battaglia che curiosamente è la stessa per tutti e cioè la dimostrazione che il piddì non sia un partito di sinistra e -quindi- che chi l'ha votato sia in realtà uno di destra) ma se serve per farvi sentire a posto con le letture ti posso dare anche il mio ok, fai bene, bravo.
      Trovi che faccia informazione per davvero e io sono contento per te perché è sempre una bella cosa quando qualcuno trova scritture che lo soddisfino e sono contento per loro che hanno lettori che ci tengono a portarne in giro la soddisfazione, spero tu glielo faccia sapere perché credo ne sarebbero gratificati.
      Sei convinto che Maria Novella e Toni siano due fior di giornalisti e fai quindi bene a leggerli insomma.

      Non so, posso fare altro per te?
      Vuoi che li legga anch'io e poi torni a dirti che fai bene a considerarli validi?
      Ma tipo come quando da piccoli si facevano i disegni e li si portavano ai genitori per alimentarsi dell'orgoglio ricevuto?
      Il tuo irrisolto latente pesca in quel periodo lì?
      Hai bisogno che ti avvalli la lettura come quando si cerca l'approvazione dei propri gusti da parte di qualcuno dei cui metri di giudizio si ha stima, così che di riflesso si consolidi la convinzione della validità dei propri?
      Se ti dico che sono bravi la validità del tuo metro di giudizio ti appare confermata, insomma?
      'zzo hai, 12 anni?

      Non so, dimmi tu, sento di avere una responsabilità pazzesca nei tuoi confronti del tuo bisogno di riferimenti e la cosa mi lusinga, ma dammi coordinate più precise se vuoi che ti aiuti perché così è una lusinga che rischia di essere sprecata dato che non so come tradurla in concreti gesti che i tuoi bisogni sappiano interpretare come quell'approvazione che non ho alcun problema a darti, se mi dici che forma hai bisogno abbia.

      Perché quei due nomi, insomma?
      Ti stupisce che io non li legga e questa è un'altra cosa che mi lusinga perché se è vero che li stimi il tuo stupirti del mio non leggerli tradisce la tua stima per me e io sono contento, mica no.
      Ma quindi?
      Sai quante fior di penne ci sono in giro, esisteranno mica solo quei due.
      O volevi solo farmi sapere che mi stimi?
      E non potevi dire semplicemente che mi stimi?

      O mi hai chiesto di loro perché stai per lanciarti in una battaglia contro la lista "Giornalisti del giorno" nella quale entrambi sono stati dati in pasto alla bava dei pentastellati perché gli si scagliassero contro nelle caselle mail e nei loro commenti?
      E' per questo che me li hai citati dicendomi che per te sono fior di giornalisti?
      Perché vuoi che venga con te a difenderne il nome?

      Non so, davvero, dimmi:
      Loro ti piacciono e ok.
      ti stupisce che io non li legga e quindi ti piaccio anch'io e ok.
      Quindi?
      Che posso fare per te?

      Elimina
    7. Dion, dopo una certa esperienza in giro per la rete con particolare concentrazione negli ultimi mesi, ti posso dire che tu saresti un troll con i controfiocchi!
      Se un giorno volessi decidere di concederti alle sacre battaglie, fai un fischio perché ti porto io dove ci sono i più duri e ti ci lancio contro come contro-troll, perché li manderesti ai matti!

      :)

      Elimina
    8. Troll ad honorem, insomma: una specie di "stress test" vivente :-D

      Elimina
    9. stress test??...CRASH TEST!
      Loro il manichino giallo, tu il muro.

      Elimina
  2. Anonimo07:52

    Bruno, ti ho chiesto un parere sui due giornalisti semplicemente perché mi interessava la tua opinione.
    Null'altro, tutto qui.
    Grazie lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.

      E infatti questo
      "Non ti fa molto onore svicolare ma capisco bene la tua difficoltà"
      me lo sono scritto da solo.

      Del resto perché avresti dovuto dire che non mi facesse onore il mio "svicolare", volendo tu solo sapere la mia opinione.
      Giusto?
      Svicolare non avrebbe senso se l'avessi scritto tu che mi hai solo chiesto un'opinione e tantomeno tirare in ballo cosa mi farebbe, bum, onore.
      Quindi l'ha scritto l'altro anonimo, quello che al contrario di te non legge L'Unità, giusto?

      (prendi come riferimento l'ultimo con cui ti sono riusciti i tuoi giochi, fissalo come asticella e poi considerami un poco, solo un poco meno scemo di lui)

      Elimina
    2. Anonimo14:47

      Registro che preferisci svicolare.
      Mi ero fatto di te l'opinione di uno che comunque affronta qualsiasi argomento.
      Mi ero sbagliato.
      Riuscirò a sopravvivere anche senza sapere la tua opinione sulla oppo e su jop.
      Buona giornata

      Elimina
    3. Bella, brù, dimmi un po': che pensi dei quattro versi che alcuni manoscritti antepongono al primo, celeberrimo verso dell'Eneide ("Arma virumque cano Troiae qui primus ab oris")? Che dici, sono autenticamente virgiliani e quindi andrebbero aggiunti al testo oppure sono spurii e quindi bisogna continuare a escluderli? Che facciamo, insomma, lasciamo o leviamo?

      E bada bene di non svicolarmi, eh, ché ormai noi (io e le due principali personalità del GdO, quanto meno) abbiamo capito che razza di omertoso scansafatiche sei in realtà...

      Elimina
    4. Mabbella Diò, che ti dico.
      Ti dico che secondo me trattandosi di manoscritti la prima cosa da fare è il CarboGno14, se dà 14 è vero.
      Le tv non te lo dicono ma così hanno anche smontato la bufala della sindone che altro non è che uno dei primi dagherrotipi sperimentali e pare, pare, che quel tizio fotografato non fosse nemmeno Gesù perché troppo antecedente alla datazione ma Virgilio in persona.
      Io comunque nel dubbio, perché anche quel fatto là del Carbogno non è mica come to la raccontano, sarei per chiedere alla gente.

      Però il problema è: se la gente vota sì aggiungiamolo, l'Eneide resterebbe l'Eneide?
      Cioè una cosa è una cosa come è o è una cosa come è per tutti?
      Io ritengo che l'aggiunta di quei versi potrebbe sì restituire la forma originale che Virgilio voleva il progetto avesse, ma questo aprirebbe la strada a una polarizzazione, anzi che dico a una ridatazione del pensiero che dall'Eneide deriva, perché la cultura non sarebbe più la stessa per tutti, ma diverrebbe una cultura per i pre-aggiunta e una diversa per i post-aggiunta.
      Sarebbe giusto, fiolosoficamente parlando, dare ai nuovi studenti una versione più completa di quella sulla quale si sono formati i vecchi studenti?
      E se sì, quelli che si sono formati pre-aggiunta potrebbero dirsi formati meglio, perché sono dovuti giungere alle sintesi pur in assenza di parti fondamentali (altrimenti non le si aggiungerebbero) del testo, rispetto a chi post-aggiunta per giungere alle medesime sintesi si troverebbe a disposizione un maggior numero di formulazioni?
      Capisci che si genererebbe un vero e proprio paradosso: dando una versione più completa, in termini di risultati dello sviluppo del pensiero favoriresti coloro i quali hanno avuto a disposizione la versione ridotta, penalizzando al contrario quelli che avranno la versione completa poiché avendo più strumenti a disposizione si troverebbero a dover elaborare autonomamente meno sintesi.

      Io credo che questa scelta spaccherebbe in due il mondo della filosofia, perché aprirebbe la via a due diverse interpretazioni possibili ma in senso oggettivo e comprenderai che questo sarebbe qualcosa di molto vicino alla rivoluzione Copernicana.
      La domanda è: il mondo è pronto?

      Io la farei così: le aggiungerei ma le scriverei da destra verso sinistra.
      Tu chiederai: perché?
      Perché è mia opinione che questo sarebbe un vero e proprio colpo di teatro che nemmeno Virgilio avrebbe pensato e questo ci permetterebbe di avere i proverbiali due piccioni con una fava: avresti una versione più completa, conservando nello stesso momento la possibilità di contestarne la paternità.
      Così sarebbero soddisfatte entrambe le scuole di pensiero e in più avresti dato all'opera una seconda età, diversa dalla precedente ma nello stesso tempo uguale, che la renderebbe opera pilastro per almeno altri enne secoli dal momento che inserendo quei versi in un contesto moderno nel quale avrebbero un effetto che ai tempi in cui furono scritti non avrebbero potuto avere (lui c'era e avrebbe potuto attribuirseli chiudendo la questione e quindi non generando sviluppi successivi che quei versi oggi rappresentano) li avresti in un certo senso attualizzati in una maniera che lui non avrebbe potuto fare perché privo del contesto attuale a farne perno.
      Non sarebbe quindi una versione più completa della medesima opera, ma proprio un'opera diversa che lui, pur avendola scritta, non avrebbe potuto scrivere.

      Ma soprattutto secondo te io quando ho iniziato questo commento avevo idea di dove sarei arrivato, anche considerando il mio non avere la più pallida idea di cosa tu stessi dicendo?
      Dio che cazzo di genio che sono.
      Ci credo che tutti vengono a me.

      Elimina
    5. Anonimo00:13

      Broono, è chiaro che l'anonimo qui sopra cercava un argomento qualsiasi per attaccare bottone perché ha una vera e propria infatuazione per te e, insomma, i suoi sogni sono infarciti di mani, le sue, e poi ancora ancora voi due, pensiero stupendo, mani insomma che saggiano senza sosta il tuo possente swannstrucken. Quindi, insomma, non so, dagli almeno una speranziella, poverino, o perlomeno un "caro anonimo, mi piaci, però solo come amico" o una roba del genere, sennò non te lo togli più di dosso!

      Antonio Sciaccaluga

      Elimina
    6. Ma lo so, mica non lo so.
      Con me si parte sempre così, prima mi si odia poi mi si ama poi mi si odia poi mi si ama e poi non mi lasciano mai più perché sono grande grande grande come me ma io son solamente Brù.

      E io potrei anche seguire il tuo consiglio di offrirgli almeno l'amicizia, ma c'è che le decinaia e decinaia di anni di esperienza ueb che ho, peraltro l'unica cosa possente che vanto, mi hanno anche insegnato una cosa che invece tu sottovaluti: l'anonimo in quanto tale è asessuato.
      Dai per scontato che sia un uomo.
      E se fosse Winona Ryder che sta facendo esercizio con l'italiano (l'uomo italiano, dico)?
      Capisci che il dubbio attanaglia e io prima di dirle "Sì ma solo come amico" levandomela così di dosso, vorrei quantomeno essere certo che non sia lei.

      Elimina
  3. Winona14:22

    Bru....sono io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero.
      La mia Winona non sarebbe mai così scontata.

      Elimina
  4. L'ultima volta che ho letto una recensione come questa della "nuova" Eneide è stato in "Pierre Menard, autore del Chisciotte", dalle "Finzioni" di Jorge Luís Borges. Se non le hai mai lette, corri a comprarle: secondo me ti sembrerà di aver trovato un fratello o un cugino perduto...

    Y ahora, divertimento col dentista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hehe, telavevodèttoio ('sta espressione si può liberamente usare con chiunque non sia il proprio coniuge) che l'avresti trovata interessante, la recensione di Bruno sull'Eneide!
      (Epperò, chevvordì la tua ultima frase? [Faccetta di chi si sente gnurànt eqquindi arrossisce])
      (Si noti l'uso creativo delle parentesi, pliiis)
      ((Si noti la totale mancanza di serietà della scrivente, dovuta ad uno dei suoi periodici attacchi di buffevolezza perniciosa))
      (((Qui non occorre che notiate niente, epperò mi pareva bene mettere una parentesi tripla, così per simmetria)))

      Elimina
    2. Vuoi dire che esiste qualcun altro in grado di scrivere 4000 battute su qualcosa che non ha mai letto?

      Allora è vero che siamo a un passo dall'Armageddon.

      (ammettilo, parlavi con Dionysus!)

      Elimina
    3. Vuol dire che c'è (stato) qualcuno in grado scrivere oltre 4000 battute di critica letteraria su un libro mai scritto da un autore mai esistito.

      La raccolta si chiama "Finzioni" mica per niente...

      Elimina
    4. E c'è stato pure qualcuno in grado di non dargli il Nobel, per gretto pregiudizio politico.
      In compenso l'han dato a Fo.

      Vedi alla voce Mafia.

      Elimina
    5. concordo.
      mai sintesi fu più così veritiera.
      scandalosamente, aggiungerei.

      Elimina
  5. (@ brù: l'ultimo che ha raccontato così bene così tante meravigliose minchiate su cose di cui non aveva la minima idea ha appena preso 11 milioni di voti. Sicurosicuro di non volerci fare un pensierino pure tu?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahaha
      Perché no.
      Del resto questa è l'epoca del gggentismo e come saprei essere gggentista io nessuno mai!

      Elimina
  6. Anonimo09:20

    Bruno, poniamo che tu abbia ragione sulla linea editoriale del fatto.
    Converrai però che, con una diversa linea editoriale di riferimento, la stessa cosa la fa l'unità.
    Come mai non "denunci" la cosa?

    Se ci pensi, in piccolo qui (senza offesa), tu hai lo stesso tipo di atteggiamento che tanto attacchi.
    Solo questa contraddizione volevo farti capire.
    Buona giornata

    Genesio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quale parte delle mie repliche "non leggo L'Unità" non ti sia chiara.
      Se me la indichi provo a spiegarla in maniera più comprensibile.

      Tu in cambio spiegami meglio quale sarebbe l'atteggiamento che avrei io.

      Elimina
    2. Anonimo09:46

      Dai Gomez, altro che "Genesio", ti abbiamo sgamato. Adesso torna a casetta, su. E per punizione recita cento "Ave Beppe" e cinquanta "Padre Casaleggio"

      Elimina
  7. Anonimo13:49

    Bruno, ho scritto poche righe e chiare. Basta leggerle con un minimo di attenzione. Offenderei la tua e la mia di intelligenza se dovessi spiegarti "meglio".

    Liberissimo di far finta di non capire e/o di non considerare le mie righe.
    Buona vita.

    Genesio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, io te le considero pure, sicuramente più di quanto verrebbero considerate da qualsiasi altra parte.
      Resta che se ogni due giorni vieni qui a chiedermi qualcosa che riguarda L'Unità, ogni volta ti rispondo che non leggendola non posso esserti d'aiuto e oggi te ne esci chiedendomi come mai io non denunci una linea editoriale di un giornale che non leggo, l'alternativa a pensare che tu abbia un problema di comprensione complessivo e probabilmente definitivo non può che essere l'ipotesi che semplicemente le parti in cui ti ho risposto "non la leggo" non ti siano di chiara comprensione.
      E quindi per risolvere quel tappo e finalmente liberare il fiume di comprensione che al momento è ostruito da quel semplice passaggio, mi sono offerto per darti una mano.

      Poi se vuoi ti possono anche dire che sto non considerando le tue righe, ma dal momento che le tue righe sono quelle di uno che a un interlocutore che gli ha detto di non leggere L'Unità chiede come mai non denunci la linea editoriale de L'Unità, credo che il non considerarle sia una scelta che sta proprio al confine con il vero e proprio favore personale.
      Se vuoi io le considero anche, ma poi la logica conseguenza che se ne trarrebbe sarebbe per te probabilmente offensiva.

      Elimina
    2. Anonimo17:10

      Quindi tu leggi il fatto ma non hai mai letto e non leggi l'unità.
      Grazie per il tempo che mi hai dedicato.

      buona vita
      Genesio

      Elimina
    3. Quindi io non leggo il Fatto ma vado sul sito del Fatto Quotidiano, finché sarà gratuito e non lo sarà ancora per molto, a seguire il mondo M5S essendo il Fatto online lo spazio nel quale per tempistiche di pubblicazione, fonti dirette e utenza si hanno i contorni esatti dell'operazione M5S in termini di progetto e di sviluppi quotidiani come nessun altro posto li offre.
      E ho detto di non leggere L'Unità in maniera sufficiente da estrarne (e quindi offrirti) un giudizio sulla linea editoriale.
      Che questo significhi non averla mai letta o non leggerne le parti che mi possono interessare (Leonardo per esempio lo leggo) e quindi non averla mai, appunto, letta l'hai dedotto tu.

      Se la domanda iniziale fosse stata "Hai mai letto L'Unità?" la risposta sarebbe stata molto semplicemente sì.
      Poi avresti dovuto fare la successiva: Abbastanza da poterne dare un giudizio sulla linea editoriale?
      Alla quale ti avrei risposto molto semplicemente no.
      E il tuo problema rispetto alla linea editoriale de L'Unità avresti quindi dovuto tenertelo o cercare di risolverlo altrove.

      Ma se vuoi continuare a proporlo qui dove la risposta al tuo problema ti è già stato detto quattro volte non esserci, non sarò certo io a fermarti.
      Proprio perché appunto hai un problema che va oltre le mie competenze.

      Elimina
    4. Anonimo09:48

      "Quindi tu leggi il fatto ma non hai mai letto e non leggi l'unità.
      Grazie per il tempo che mi hai dedicato"

      Non ci sono cazzi: questo è proprio Gomez!

      Elimina
    5. Anonimo09:54

      L'intelligentone Genesio/Gomez non si è reso conto di aver fatto una vera e propria gaffe accomunando (come ha fatto) il "Fatto" e l'Unità. In quanto l'Unità è dichiaratamente un giornale di partito. Mentre il Fatto, pur essendo (in questo ha ragione Genesio) analogo all'Unità, ossia essendo a tutti gli effetti cultural-politici un giornale di partito, anzi di MoVimento, se la canta e se la suona da giornale "indipendente", "con la schiena dritta" e che "con i politici non ci prende nemmeno un caffè".
      Quindi il caro e acuto Genesio/Gomez, in sostanza, ci sta dicendo con una certa faccia tosta (oppure con una comicità involontaria, o meglio una comica involontarietà) DUE cose:
      1) il Fatto è un giornale di partito (come l'Unità)
      2) il Fatto è ipocrita (perché nega di essere giornale di partito).

      Elimina
  8. Anonimo20:05

    "E ho detto di non leggere L'Unità in maniera sufficiente da estrarne (e quindi offrirti) un giudizio sulla linea editoriale."

    Non ho altre domande.
    Genesio

    RispondiElimina
  9. Bruno, dai, questa volta hai toppato. non c'è bisogno di leggere l'Unità per conoscerne la linea editoriale, la conosce anche un bambino delle medie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per conoscerla no.
      Per giudicarla sì, o almeno a me m'han cresciuto così.
      Figurati poi per "denunciarla".

      Elimina
  10. Anonimo06:55

    Strano però che chi brinda alla vittoria del pd non compri poi l'Unità, anche solo per leggere i commenti sulla sconfitta del tanto "odiato" G.
    Molto strano.

    Genesio

    RispondiElimina
  11. Anonimo07:47

    Bruno, seguo il tuo blog da diverso tempo. Non mi permetto di mettere in dubbio la tua parola è però difficile credere che tu non conosca l'Unità.
    E non c'è nulla di male, anzi...

    RispondiElimina