10 settembre 2012

Ma anche che balle 'sta cosa che tutto è ma l'hai letto il programma

Sì l'ho letto.
Quindici pagine di nulla sono probabilmente il primo passo falso, poiché è l'unico programma sufficientemente breve e vuoto da essere leggibile da chiunque, pure da me che l'unico altro programma che lessi per intero fu quello di Forza Italia più o meno per le stesse ragioni.
Gli altri partiti se non altro li scrivono lunghi, complicati, introvabili, così da poter tirar fuori la quasi sicura non lettura in risposta a ogni contestazione.
Il programma del M5S invece stà lì, quindici pagine così vuote che paiono quindici indici di quindici capitoli che però poi non trovi e così si presta alla lettura anche veloce che a sua volta arresta qualsiasi contestazione che abbia come base il fatto che se contesti l'assenza di contenuti di sicuro non hai letto il programma.
Ma ti pare, ci metti di più a leggere le confezioni di detersivo, alle quali va comunque riconosciuto il merito di farti uscire con più informazioni.


Prendiamo l'ultimo punto del capitolo "Stato e cittadini" (pag 2)(2 di 15)(solo la 2)(Tutto "Stato e cittadini" in una sola pagina, diciassette punti tutti in una pagina)(ok è facile, basta elencarli e hai fatto il capitolo)(lo moltiplichi per 7 e hai fatto il programma)(è tipo come se uno un giorno avesse detto che per fare un elenco telefonico basta elencare tutti i nomi senza necessariamente aggiungerci i numeri)(e mezzo paese avesse gridato al messia), quello in cui più di tutti viene solleticato il fantastico orgoglio del fantastico appartenente al mondo del uèb:
"Leggi rese pubbliche on line almeno tre mesi prima della loro approvazione per ricevere i commenti dei cittadini".

Ora, ogni parola sulla considerazione che il M5S ha del popolo del uèb (ma cos'altro puoi fare dopo una decina d'anni di blogosfera e pensando al commentatore medio, se non metterti le mani nei capelli?) dipinto come fosse un'entità composta da giuristi esperti di diritto e costituzionalisti vari, sarebbe come sparare sulla croce rossa e quindi sorvoliamo e andiamo al punto: il cittadino come unità influente che può intervenire sulla stesura di una legge mentre viene discussa, partecipando alla discussione con il sistema dei commenti.

No dai non riesco a sorvolare, ma te li immagini migliaia di commenti letti da non si sa chi ma qualcuno dovrai mettercelo che dovrà prenderli tutti e proporli al parlamento (nel programma non c'è la sua abolizione e quindi si direbbe che il resto della procedura resti immutato e quindi inevitabile) come punti da discutere, tutti, uno per uno e senza distinzioni di sorta, è la democrazia diretta beibi tutti contano e tutti possono dire la loro uno vale uno, partendo da quello che dice che SONO TUTTI LAAAAAAADRI a quello che dice Beppe sei tutti noi se non se ne vanno da soli ci pensiamo noi a quell'altro che dice ""grillo hai sbagliato. FAVIA cm al solito per cm e' si fa in 4 x il movimento prendisi colpe che nn ha Soprattutto adesso . Il fatto di andare in tv7 gold la deciso a piena maggioranza non FAVIA ma. I CITTADINI ATTIVI DEL MOVIMENTO 5 stelle bologna ec . SIAMO STATI NOI A DI SI FAVIA E DE FRANCESCHI SPENDETE QUESTI SOLDI E FAVIA HA FATTO CM VOLEVAMO NOI CITTADINI MA GRILLO SE LA PRENDE CN FAVIA CHE NN C'ENTRA NIENTE SENZA COMMENTARE NEL GIORNALI NIENTE . Praticamente nn sa. Di che cazzo sta parlando e cm uno senza senso spara a raglia. CM NEL CASO TAVOLAZZI NEL CASO CENTO NON RISPONDE MAI AI CITTADINI ORA DA COLPE E FRUSTA UNO SOLO FAVIA SENZA COLPA. Grillo quando fai così sei uguali ai capi partito nn ascolti mai i cittadini ne ci parli e vergognoso vergognati sei disgustoso .
A. FAVIA COME AL SOLITO GRAZIE MA QUESTA VOLTA DOVEVI CHIAMARCI IN CAUSA PERCHÉ FORSE SARA ORA CHE ANCHE GRILLO NELLE SUE INGERENZE SI CONFRONTI CN NOI BASE CITTADINI GRAZIE FAVIA SEI TUTTI NOI AI IL NS. SOSTEGNO SEMPRE PERCHÉ SAPPIAMO CIÒ CHE FAI CM LAVORI E CM SEI ONESTO INSIEME A TUTTI I ELETTI DEL M5s . Grillo dillo chiAro. CHE CAZZO HAI IN MENTE"
ecco insomma questa gente qui è quella che il programma dice potrà partecipare alla stesura delle leggi clikkando "Mi piace", cioè cosa fai ridi ti disperi o semplicemente dai loro dei cialtroni e ti auguri che una tempesta li cancelli prima delle politiche?

Comunque, dicevamo il punto del programma.
Perché io quelli di Grillo li vedo stupidi pericolosi e completamente privi di quel minimo di autopercezione necessaria a far capire loro esattamente dove si trovano, politicamente parlando.
Allora io adesso lascio la parola a chi ne sa più di me, perché sono certo di non poter essere altrettanto chiaro sintetico e definitivo:

"[..]"E logico, siamo al pionierismo. Pero' si potra' conoscere il parere immediato degli italiani su qualsiasi argomento. Bastera' proporre la scelta tra due personaggi, in teoria e' possibile fare anche le elezioni con questo apparecchio". Si' e no, favorevoli o contrari. Una platea televisiva immensa che fa sentire la sua voce con i pulsantini. Controindicazioni? Si' , per il semiologo ed esperto di comunicazione Omar Calabrese: "Si vive sempre piu' nella frantumazione sociale prodotta dalla Tv. Intendiamoci, se "l' interazione" si ferma al campo del ludico, nessun problema. Se invece i giochi sono un grimaldello per avviare forme di pseudodemocrazia diretta, vengono in mente gli scenari inquietanti da "1984"[...]"

Era il 1993.
Vent'anni fa.
Un anno dopo Berlusconi scendeva in campo.
Quello che parlava un anno prima era Mike Bongiorno.
Presentava il Quizzy.
Era l'alba del berlusconismo e l'apparecchio per partecipare direttamente alla tv invase le case.


Ecco qui.
Sono poche le cose che basta mettere in fila per capire.
Lo chiamavano scenario inquietante già vent'anni fa.
E ancora non immaginavano i vent'anni di Berlusconi successivi.

Allora lo scrivo qua, visto che arrivato al dunque l'affetto mi impedirà di dirlo in faccia: chiunque a me prossimo mi dica di essere pronto a votare M5S, sappia che in quella stessa frazione di secondo io starò pensando di aver davanti una mastodontica testa di cazzo.
Poi gli vorrò bene lo stesso, ma è giusto sappia che in quel momento starò pensando di lui che è una testa di cazzo.
Ecco l'ho detto, ora posso anche fingere quando mi capiterà.

6 commenti:

  1. maverick10001:40

    "Perché io quelli di Grillo li vedo stupidi pericolosi e completamente privi di quel minimo di autopercezione necessaria a far capire loro esattamente dove si trovano, politicamente parlando".

    Eccerto perche' quelli che hanno votato gli altri partiti sono tutti scienziati.
    Il paragone di B. con Grillo è quanto di piu' superficiale,rozzo e banale che si sia mai visto anche perche' Grillo non si candida quindi gia' qui casca l'asino.
    Ma lasciando perdere B. quelli che votavano il pentapartito durante gli anni 80 (dc,psi,pli,pri,psdi) o PCI si che erano cosapevoli e svegli.
    Anni in cui si rubava non a 4 ma a 24 mani.
    Ma ti assicuro con grandissima sobrieta'.

    Di quale grande intelletto saranno poi mai dotati gli elettori degli attuali partiti spazzatura non si sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, 'spetta, c'è un malinteso di fondo.
      Qui il confronto non è Grande intelletto vs Piccolo intelletto.
      Qui il confronto è tra intelletto e non.
      Ed è questo il motivo per cui per essere migliori non è necessario un grande intelletto, basta un intelletto qualsiasi, volendo anche uno pessimo.

      Motivo per cui se me ne indichi uno pessimo come prova di superficialità d'analisi, non capisci che mi confermi la tesi.

      Qualcosa da dire sul programma?
      Sul post?
      Oh ce ne fosse uno che non ti replica parlando sempre e solo degli altri SONO TUTTI LAAAAAAAADRI.
      Ti credo che non serve proporvi un programma per catturarvi.
      Non mi stupirei se scoprissi che quelli che non l'hanno letto, in maggioranza siano proprio i grillini.
      A che vi serve?
      Tanto è tutto un magna magna.

      Elimina
  2. Grandissimo! Leggo sempre con piacere i tuoi post, colgono spesso nel segno. Quando mi è capitato tra le mani il programma del M5S ho pensato "Ma che è sta roba? Sembra scritto da uno in quinta elementare." Mancano punti macroscopici (la politica estera? Il lavoro?), e ilò 90% delle cose scritte è così vaga che non sai se essere d'accordo o no.

    Ma la cosa che più mi colpisce è la forma: chi l'ha steso non è stato nemmeno capace di dargli una parvenza di forma compiuta: è completamente disorganico, qua e là ripete le stesse cose più volte, fa esempi tra parentesi che dimostrano tutta l'ingenuità delle proposte. Sembra insomma uno di quei temi dove l'insegnante ti diceva "hai difficoltà ad articolare i concetti in un discorso organico".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho il sospetto che l'assenza di forma compiuta non derivi da incapacità ma da volontà.
      E' chiaro che la decifrabilità deve tararsi sulla capacità di decifrare e quel programma deve persuadere gente che nella maggior parte dei casi per Programma intende Striscia la notizia.

      Elimina
  3. Il post è ampiamente condivisibile, solo che secondo me sottovaluti la potenza del crowdsourcing. Certo, non metterei le leggi in mano a quattro cialtroni, ma ti assicuro che, con un numero sufficientemente grande di partecipanti, il risultato è sicuramente migliore della somma degli intelletti dei partecipanti. Un esempio famosissimo è la partita di scacchi tra Kasparov e il mondo (http://en.wikipedia.org/wiki/Kasparov_versus_the_World). Partita che lo stesso Kasparov ha dichiarato essere una delle più difficili della sua carriera. Concordo però che un progetto del genere non è nelle corde del M5S anche perché di partecipativo, quel movimento, non ha assolutamente niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, allora passiamo alla fattibilità.
      A che pagina del programma è spiegato chi e come si legge valuta e smista qualche milione di commenti?

      Perché con gli scacchi te la cavi con un algoritmo che sintetizzi statisticamente ascisse e ordinate di tutte le proposte, sul dibattito intorno a una legge come lo applichi?

      Elimina